tre puntini. maledetti.
so ormai per certo che la nena, sa di questo blog. la mail di cui lei parlava tanto tempo fa, le indicava l’esistenza di questo posto. pazienza. le ho chiesto di non leggere mai quello che ci sta scritto. spero lo faccia. altrimenti pace, non credo che ci sia nulla di cui dovrei vergognarmi.
divertissement inutile.
tre puntini, dicevo. … come il titolo di un mail che le mandai ad inizio giugno. il concetto era chiarissimo, la risposta mai arrivata. diceva, ciao nena. ma sinceramente, a te di questi tempi, non viene mai la sensazione di mandare in culo un po’ tutto e pensare di ricominciare come due perfetti sconosciuti?
non ricordo quale fu la molla percui le scrissi quelle due righe, ma la posso ben immaginare.
and so, surprise! nel mostrarmi la mail di cui sopra, ha inavvertitamente aperto la lista delle sue, e tra la lista di tante cose, ecco spuntare il mio nome con i tre puntini accanto.
onestamente sono dovuto andare a cercarla, perchè non ne ricordavo il contenuto.
ma la domanda è: perchè la tiene? a questa ne potrebbero seguire migliaia, ma tutte avrebbero una sola risposta: i rapporti tra le persone sono la cosa più difficile al mondo. è colpa, secondo me, della troppa paura, o meglio, del senso di disagio che la cultura ci ha inculcato riguardo alla felicità.
ed allora …. mah! basterebbe trovare la forza per parlare, ma…
eccoci. mi capita raramente di non aver nulla da dire, e ne rimango sempre sorpreso. questa è una delle rarissime occasioni, dovrei scriverla sul calendario. e allora la chiudo qua.
silenziosamente
d.

ultima modifica: 2004-07-13T20:35:12+02:00da akkord79
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento