letto, letto presto

la canzone di pino daniele. faccio uguale. sono eventi da segnare sul calendario. il guaio è che anche ieri notte non ho dormito. è quella fastidiosa cosa di cui ho già parlato e che ultimamente mi capita troppo spesso.
il senso è che si sta ancora cambiando. non conosco la direzione del cambiamento, salvo sapere che sto davvero bene.
finalmente quell'equilibrio tanto atteso e tanto lontano oggi è davvero a portata di mano. meglio così.

parentesi. comincio a odiare davvero i cari vecchi, affollatissimi posti che ho sempre frequentato. non è che ci stia male, ma ho cambiato l'approccio.non mi diverto più a stare nella calca. mi sto trasformando nel classico tipo che se ne sta a conversare amabilmente con chiunque, quello che ho sempre chiamato "il baba"

però è un ruolo che ora mi diverto ad interpretare. forse, come direbbe un amico, è un ottimo modo per riciclarsi. figuriamoci che quest'anno torno al motor show, ma il tutto si trasforma in una occasione per finire la giornata a cena in centro a bologna e di seguito al roxy bar.

però va bene così.
con affetto
d.

letto, letto prestoultima modifica: 2004-11-22T22:16:08+01:00da akkord79
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “letto, letto presto

Lascia un commento