apinnegialle

maledetti tonni.fanno prorpio una fine terribile.

chiusi in scatolette di latta e divorati con quintali di maionese, maledetti tonni.

putroppo non riesco a spiccicarmi di dosso l’immagine, quasi onirica, dei tonni nelle tonnare. l’inutilità del loro frenetico agitarsi, rincorrendo l’ignoto, che poi niente altro è che uno strano ribollire di onde rosse. trovo una così surreale vicinanza tra la fine dei maledetti tonni, ed il comportamento che questa società ci porta ad avere.

ci agitiamo, ci atteggiamo, ci dimeniamo cercando inutilmente di galleggiare in un mare che non è fatto per ospitare persone. non credo di sbagliarmi. sarò pure sfortunato, ma quando ho provato a parlare con parole semplici di amore e affetto, mi hanno sempre guardato male.

lo dicevo qualche post fa, non mi va di finire in una scatoletta di latta.

ogni tanto però, uno di quei maledetti tonni, quello che si era agitato di meno, dà un unico scossone e torna libero.

sarebbe bello se la storia finisse così… peccato che il lieto fine, putroppo, sia roba da poeti e scrittori…

 

con affetto.
d.

apinnegialleultima modifica: 2007-12-02T14:00:00+01:00da akkord79
Reposta per primo quest’articolo